Cose da collezionare in casa (o di quello che non riesco a buttare)

radio,vintage,,radios,random,antique-761226b11f8f06a18796f9b80e0c1903_h

Collezioni di gente che colleziona cose belle, non io. – immagine dal web

É un’arte che ho sviluppato negli anni, non sono una improvvisata; dovrei farne studiare i risvolti psicologici, vorrei un giorno allestirne un mercatino per la vendita: le mie collezioni di casa, ovvero ciò che non riesco proprio a buttare. Dall’inizio.

Infanzia:

  • astucci;
  • quaderni non finiti (nelle varianti: solo qualche pagina scritta, oppure scritti tutti tranne le ultime dieci pagine);
  • gomme non finite, martoriate da stigmate e scritte poco edificanti.

 

Adolescenza:

  • quaderni non finiti (nelle varianti: solo qualche pagina scritta, oppure scritti tutti tranne le ultime dieci pagine);
  • smalti secchi;
  • lime per le unghie lisce;
  • ciappetti che non tengono;
  • scontrini di ogni genere;
  • biglietti dell’autobus e del treno;
  • portafogli;
  • biglietti scritti a mano, da chiunque.

 

Giovinezza:

  • smalti secchi;
  • lime per lunghie lisce;
  • agende smesse di usare verso maggio;
  • scontrini dell’autostrada e dei parcheggi (deroga autovettura);
  • attrezzi vari per arricciare i capelli;
  • mollette per capelli;
  • bottigliette vuote d’acqua (deroga autovettura);
  • scatole di scarpe;
  • biglietti scritti a mano, da chiunque.

 

Età adulta:

  • quaderni non finiti (nelle varianti: solo qualche pagina scritta, oppure scritti tutti tranne le ultime dieci pagine);
  • smalti secchi;
  • lime per le unghie lisce;
  • scatole di scarpe;
  • biglietti scritti a mano, da chiunque
  • bottiglie di shampoo (quasi) finite;
  • bottiglie di profumo (quasi) finite;
  • bottiglie di qualsiasi cosmetico (quasi) finite);
  • yogurt scaduti;
  • limoni vellutati tendenti al verde;
  • finocchi marroni;
  • bottiglie di coca-cola (quasi) finite;
  • mele che non marciscono mai;
  • documenti buoni per la dichiarazione dei redditi (tutti, dal 2008 ad oggi, ogni anno mi tuffo nello scatolone a rischio della vita);
  • mutande lise;
  • fiori secchi;
  • nastri che hanno chiuso un regalo o un mazzo di fiori.

 

Come potete bene notare, la mia arte si è affinata nel tempo e non sono da sottovalutare i margini di miglioramento futuri.

Tra una decina d’anni io così.

LOW_20762_Michelle_Before_005

 immagine dal web