Renzi, Io ballo da solo #quirinalparty

Io non so parlare di politica, quindi parlerò di italiani.

Nel post Quirinarie ho seguito le reazioni sui media e social [fino a quanto umanamente sopportabile], osservando il campione di italiani che popola la mia rete di contatti. Partendo dall’assurdo che la stragrande maggioranza si sente in diritto di commentare la figura del Presidente non sapendo minimamente chi sia e che storia abbia, per i più secchioni al massimo abbiamo una bio letta su internet, quindi, santo cielo, almeno asteniamoci dal pontificare. In secondo luogo, il trend più cavalcato è quello dell’indignato per il metodo autocrata e anti democratico di Renzi, a braccetto con il motto Renzi, il nuovo Silvio, ha solo smania di vincere. 

Ma proviamo a mettere in fila un po’ di fatti e riflessioni, in linguaggio rigorosamente tecnico:

  • Renzi stringe un patto con il centro destra, che non si capisce bene se comprenda anche la scelta del Presidente [pare di no, ma chi può saperlo…], dichiara che il Presidente verrà eletto alla quarta votazione e poi, in ultimo, esplicita il nome prescelto, e chi c’è c’è.
  • Tutti si infastidiscono un po’, perché il premier sostanzialmente dice Il pallone è mio o si gioca come dico io o me lo porto a casa. Ma, purtroppo per loro, nessuno è nella posizione di cambiare la rotta degli eventi, quindi fanno solo un gran casino, invocando una correttezza di metodo e un fair play che non si capisce bene da dove gli sia nato, a ‘sti poracci, che hanno fatto quel che gli è parso negli ultimi venti anni coi soldi nostri.
  • Renzi quindi vince con e su tutti e viene eletto un Presidente che, per nostra fortuna, pare una persona sobria, di garanzia e, pare, riformista.
  • Scoppia una bagarre mediatica insopportabile il cui leitmotiv è, appunto, che siamo vittime di una sorta di dittatura renziana.

Due cose mi hanno lasciata perplessa [anzi, una, l’altra la comprendo benissimo]. Le dico e le lascio un attimo lì. Primo, l’italiano medio, inteso in senso trasversale, non dispregiativo, l’italiano che va dal dirigente all’operaio al bar, sono anni che non fa altro che lamentarsi della classe politica, dei dinosauri del parlamento, di quelli legati alla poltrona, del vedere le cose gestite sempre nello stesso modo. Secondo, tutti i politici che, tagliati fuori dai giochi, hanno invocato onore e rispetto.

Un ragionamento che mi sembra, oggettivamente al di là dell’ideologia politica, sensato, è che Renzi ha sicuramente, in maniera agile e veloce, attuato un cambiamento di metodo. E il messaggio è chiarissimo, è il modo di agire di chi non vuole mischiarsi con la vecchia politica, di chi vuole fare diverso, di chi dice Bene, ora si gioca con delle regole nuove. Se vi va bene collaboriamo, se no, quella è la porta. E’ la mossa, personalmente credo anche ben giocata, di chi, per differenza, anche con una punta di sana presunzione [ma credo più lungimiranza], vuole tagliare fuori i rami secchi, finalmente. Perché i dinosauri di cui tutti si lamentano da anni, il derriere dalla poltrona non lo scolleranno mai senza un cambiamento radicale, che può anche essere visto come un atto di forza, ma cavoli, alla buon’ora! Come lo si smuove il paese senza cambiare il modo di fare le cose? Dobbiamo continuare ad aspettare di mettere d’accordo Alfano con Bersani e che la Meloni finalmente taccia? La politica si fa con il dialogo, ma se si dialoga con chi fa della resistenza al cambiamento la risposta a qualunque cosa, allora è tempo di fare spazio.

Tornando agli italiani, allora, la mia domanda è: ci lamentiamo da anni e quando arriva uno che cambia registro e, evidentemente, se ne frega di chi non ha una posizione collaborativa, se ne frega di fare il pacere, se ne frega delle resistenze, non ci va bene? I casi sono due: o gli italiani non sanno cosa dicono e quello che vogliono o c’è un problema [grosso] con il cambiamento. Che gli italiani siano degli inetti mi rifiuto di crederlo, sospetto piuttosto che la sottile paura che attraversa il paese, dal parlamento alla bocciofila, sia quella della filosofia del proverbio. Ovvero, siamo tutti politologi e filosofi, ma poi, stringi stringi, quando si tratta di cambiare, tutti [perché non ci si può aspettare di cambiare il paese solo al governo], sottovoce si sente sempre quello che, dalle ultime file, suggerisce Ricordate…chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che perde, ma non sa quel che trova. Che è come dire Quelli che conosciamo sono ladri e inconcludenti, ma almeno li conosciamo e, alla fine gli vogliamo un po’ bene. Alla fine, sotto sotto, l’italiano tifa per il furbo, perché metti caso che poi, ad esempio, le fatture le debba fare poi davvero tutte anche lui, nella sua trattoria. Perché se facciamo i furbi un po’ tutti, alla fine va bene, ci lamentiamo, ma noi siamo così. 

La posizione del Presidente del Consiglio alza tanta polvere perché non si sa cosa aspettarsi e, specialmente, si ha paura tutti di perderci qualcosa. Se parliamo poi dei polverosi personaggi a cui siamo abituati da anni non ci vuole Machiavelli per intuire che tutto il casino che stanno facendo è dato da ciò che, in gergo strettamente tecnico-politico, credo si chiami cacarella di perdere la poltrona.

Renzi ha deciso invece che Io ballo da solo. Le conseguenze delle scelte di governo che farà, con o senza il centro destra, non possiamo prevederle, ma, sicuramente, se non si stanca di ballare, qualcosa cambierà. Anzi, quando tutta la polvere sarà scesa e, si spera, sia rinata dalle ceneri la ragionevolezza di una dialettica politica sensata, probabilmente il risultato sarà più di unità [di una unità epurata, magari] di quanto ci si aspetti.